Pianificazione attuativa

Il Piano Attuativo (PA) è una delle modalità di attuazione del PGT ai sensi degli artt. 6 e 12 della L.R. 12/05 e s.m.i.; altrettanto il Programma Integrato di Intervento (P.I.I.) di cui all’art. 87 e ss. della medesima Legge.
Secondo le previsioni dello strumento di pianificazione urbanistica generale (PGT), si ricorre ad uno strumento di pianificazione attuativa e di programmazione negoziata nelle situazioni di seguito elencate.

Si informa che a decorrere dal 1° Luglio 2022 entreranno in vigore i nuovi importi relativi ai diritti di segreteria in materia urbanistica-edilizia. L’aggiornamento degli stessi è stato deliberato con Delibera di Giunta Comunale n. 706 del 18/05/2022.

Per gli interventi di nuova costruzione, in ampliamento di un manufatto esistente oppure su area libera e per gli interventi di ristrutturazione urbanistica, l’attuazione avviene mediante piano attuativo, di iniziativa sia pubblica sia privata o mista, per interventi aventi una ST maggiore di 20.000 mq. nei casi in cui siano connessi alla realizzazione di interventi di riassetto urbano o comunque ad una previsione di significative nuove dotazioni urbanistiche (art. 13.3.c PdR).

Negli Insiemi urbani unitari inseriti all’interno degli Ambiti contraddistinti da un Disegno Urbano Riconoscibile (ADR), gli interventi di ristrutturazione urbanistica, diversamente da quanto disciplinato dall’art. 13 del PdR, sono subordinati alla predisposizione di un piano o programma attuativo esteso all’intero perimetro dell’Insieme urbano unitario (art. 21.6 PdR).

Per la nuova realizzazione di Grandi Strutture di Vendita anche organizzate in forma unitaria (GSV) – ammesse esclusivamente negli ambiti relativi a Nodi di Interscambio e Piazze degli ambiti oggetto di Rigenerazione e alla Grande Funzione Urbana di San Siro, secondo le specificazioni di cui all’art. 30.6 PdR – se maggiori di 10.000 mq. di superficie di vendita, l’attuazione avviene mediante Piano Attuativo o altro Piano/Programma solo quando espressamente previsto dall’Accordo di Programma, procedimento presupposto ai sensi della D.G.R. 20 dicembre 2013 n. X/1193.

Gli immobili perimetrati e numerati - da PA1 a PA8 - nella Tav. R.02, sono sottoposti a piano attuativo obbligatorio.

L’amministrazione raccomanda di attivare una fase preliminare facoltativa consistente nella presentazione di una proposta iniziale di piano, finalizzata a:

  • verificare la coerenza dell’intervento proposto con le linee programmatiche di indirizzo dell'Amministrazione, attraverso un confronto preventivo con le Aree competenti, il Municipio di riferimento e la Commissione del Paesaggio;
  • individuare le più opportune modalità di conferimento della dotazione territoriale (cessioni/asservimenti di aree, monetizzazione, realizzazione di attrezzature);
  • identificare opere di urbanizzazione e attrezzature di servizio.

All’istanza di presentazione della proposta iniziale e all’istanza di presentazione della proposta definitiva dovrà essere allegata, pena la mancata protocollazione, prova dell’avvenuto versamento delle somme dovute a titolo di diritti di segreteria e marca da bollo, secondo le modalità indicate nell’Allegato 9, nella Documentazione per la proposta definitiva di PA e PII e nella Documentazione per la proposta definitiva di PA e PII .

ALLEGATI 
1)    Istanza presentazione proposta iniziale
2)    Istanza proposta definitiva
3)    Documentazione proposta iniziale
4)    Documentazione proposta definitiva
5)    Modello convenzione attuativa
6)    Modello programma temporale dei lavori
7)    Modello relazione economica
8)    Informativa Privacy art. 13 Regolamento UE n. 679 del 2016
9)    Diritti di segreteria validi dal 01/07/2022

Il contenuto dello schema di convenzione dei piani attuativi, dello schema di convenzione per gli interventi di edilizia residenziale sociale e dello schema per il convenzionamento dei servizi di interesse pubblico e generale, è stato assentito dai Direttori delle Aree competenti e trasmesso dal Direttore della Direzione Urbanistica per l’applicazione e il monitoraggio da parte degli uffici. 

Il procedimento di valutazione e approvazione dei piani attuativi si svolge in conformità a quanto previsto dall’art. 14 della Legge Regionale 12/2005 e prevede -al suo interno- lo svolgimento della procedura di valutazione ambientale strategica (VAS) o di verifica di assoggettabilità a VAS.
Con DD n. 14 del 28.07.2017 è stata approvata la Validazione del modello di procedura tipo per istruttoria, adozione e approvazione Piani attuativi in attuazione al P.G.T.  

Utilizza i canali indicati e segui le istruzioni

Direzione Rigenerazione Urbana - Area Pianificazione Attuativa 1
PEC: pianificazioneurbanisticattuativastrategica@postacert.comune.milano.it

Direzione Rigenerazione Urbana - Area Pianificazione Attuativa 2
PEC: pianificazionetematicavalorizzazionearee@postacert.comune.milano.it

Direzione Rigenerazione Urbana - Area Pianificazione Attuativa 1
e-mail: st.puas@comune.milano.it

Direzione Rigenerazione Urbana - Area Pianificazione Attuativa 2 
e-mail: st.ptva@comune.milano.it

Direzione Rigenerazione Urbana - Area Pianificazione Attuativa 1 
arch. Sara Augusta Morlacchi (sara.morlacchi@comune.milano.it)

Direzione Rigenerazione Urbana - Area Pianificazione Attuativa 2 
arch. Paolo Guido Riganti (paolo.riganti@comune.milano.it)

Consultare Direzione Urbanistica: modalità di acceso ai servizi >>>

Consultare Modalità di presentazione titoli e/o comunicazioni >>>

Direzione Rigenerazione Urbana - Area Pianificazione Attuativa 1 
Informazioni: tel. 02 884.64997 - 02 884.66814

Direzione Rigenerazione Urbana - Area Pianificazione Attuativa 2 
Informazioni: tel. 02 884.66906

Direzione Rigenerazione Urbana - Area Pianificazione Attuativa 2 
Informazioni: fax 02 884.66970

Argomenti: 

Aggiornato il: 11/11/2022